rss

Pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti è una prestazione di natura economica e previdenziale erogata in favore dei superstiti del pensionato/assicurato deceduto.
La pensione ai superstiti viene definita:

  - “indiretta” se il decesso dell’assicurato avviene in costanza di attività lavorativa
  - “di reversibilità” se il decesso dell’assicurato avviene dopo il pensionamento.

 

Requisiti per il diritto
Si ha diritto alla pensione indiretta, se il dipendente ha maturato, al momento del decesso, almeno 15 anni di contribuzione oppure 5 anni di contribuzione, di cui almeno 3 nei 5 anni precedente alla data della morte.
Se il decesso dipende da causa di servizio, la pensione indiretta è liquidata a prescindere dal requisito contributivo (pensione privilegiata indiretta).
Ovviamente, per quanto riguarda la pensione di reversibilità, i requisiti sono quelli maturati dal dante causa quale titolare di pensione diretta.

Beneficiari
I superstiti aventi diritto alla pensione sono:

  - coniuge (anche separato o divorziato purché titolare di assegno alimentare o di divorzio)
  - figli (legittimi, adottivi o affidati) di ogni età se inabili; di età inferiore a 18 anni; di età compresa tra 18 e 21 anni, se studenti di scuole superiori; fino a 26 anni, se universitari
  - nipoti minorenni a carico degli ascendenti, se si trovano in una situazione di bisogno (non autosufficienza economica)e c’era il mantenimento da parte del defunto.Se esistono i genitori del minore, il nipote può essere considerato a carico del nonno o della nonna deceduti a condizione che sia accertata l’impossibilità da parte di entrambi i genitori  a provvedere al mantenimento del figlio in quanto non svolgono alcuna attività lavorativa e non beneficiano di altra fonte di reddito.

In mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti (o non ne hanno diritto), il diritto si estende ai genitori a carico, non titolari di pensione diretta e di età superiore a 65 anni.
In assenza anche dei genitori, il diritto passa ai fratelli celibi o sorelle nubili, a carico, inabili e non titolari di pensione diretta o indiretta.

Misura della pensione
La pensione ai superstiti si determina applicando, alla pensione diretta o a quella che sarebbe spettata al lavoratore deceduto, le seguenti aliquote:

  - coniuge solo 60%
  - figlio solo 70%
  - coniuge con un figlio 80%
  - coniuge con due  o più figli 100%
  - due figli 80%
  - tre  o più figli 100%
  - genitori, fratelli o sorelle 15%

I nipoti hanno le stesse aliquote stabilite per i figli.
La misura complessiva della pensione ai superstiti non può superare il 100%.

Cumulo pensione ai superstiti con redditi dei beneficiari
La pensione ai superstiti è cumulabile secondo percentuali che variano in base al reddito posseduto dal beneficiario

 

Percentuale di riduzione Condizione di reddito
25% se il reddito annuo è superiore a 3 volte il trattamento minimo
40% se il reddito annuo è superiore a 4 volte il trattamento minimo
50% se il reddito annuo è superiore a 5 volte il trattamento minimo

 

I limiti di cumulabilità non si applicano nel caso in cui il beneficiario faccia parte di un nucleo familiare con figli di minore età, studenti o inabili.