rss

Pensioni di anzianita'

La pensione di anzianità è una prestazione di natura economica e previdenziale erogata in favore dell’iscritto – assicurato prima del 1996 – che ha maturato il limite minimo di età anagrafica e/o di anzianità contributiva, prima del raggiungimento dell’età pensionabile.Dal 1° luglio 2009 oltre al requisito contributivo dei 35 anni e dell'età, viene introdotto il sistema delle “quote” date dalla somma dell’anzianità contributiva e dell’età anagrafica, come da seguente tabella:Requisiti per la pensione di anzianità dei lavoratori autonomi

 

Anno Età anagrafica Anzianità contributiva Quota
Solo anzianità contributiva
Dal 2008 fino al 30.6.2009 59 35

40
Dal 1.7.2009 al 31.12.2010 60 36 96 OPPURE 40
61 35
Dal 1.1.2011 al 31.12.2012 61 36 97
40
62 35
Dal 2013 62 36 98
40
63 35

 

 La "quota" si può perfezionare anche con le frazioni di età e di anzianità contributiva (es. 60 anni e 6 mesi di età più 35 anni e 6 mesi di contribuzione = "quota 96").

Per il conseguimento del diritto a pensione non viene richiesta la cessazione dell’attività di lavoro autonomo.

La pensione decorre dall’apertura della c.d. finestra a scorrimento o "personalizzata.”

Ricordiamo che anche i che raggiungono il requisito contributivo con i contributi delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (gestioni degli artigiani, commercianti, coltivatori diretti e coloni mezzadri) non ricongiunti accedono alla pensione di anzianità con i requisiti e le decorrenze stabilite per i lavoratori autonomi.

In via sperimentale, dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2015, le lavoratrici autonome che hanno maturato 35 anni di contribuzione e 58 anni d’età possono, inoltre, accedere al pensionamento di anzianità  optando per il sistema di calcolo contributivo.

Il trattamento pensionistico, in questo caso, sarà determinato con il sistema di calcolo contributivo in regime di opzione.

La scelta del sistema di calcolo contributivo va effettuata al momento del pensionamento.


Cumulo pensione di anzianità e reddito da lavoro
Dal 1 gennaio 2009, tutte le pensioni di anzianità sono cumulabili con qualsiasi tipologia di reddito da lavoro. L'attività di lavoro prestata dopo la decorrenza della pensione garantisce il diritto alla liquidazione, su richiesta dell'interessato, di supplementi di pensione.