rss

 

Gli ammortizzatori sociali sono un complesso di misure e prestazioni a sostegno del reddito dei lavoratori che si trovano nella condizione di disoccupati o sospesi dal lavoro.

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

 
Quando si perde il lavoro

A Partire dal 1° maggio 2014, le norme sulla tutela contro la disoccupazione involontaria hanno subito un riordino complessivo, con un potenziale ampliamento della platea dei beneficiari, ma con una penalizzazione degli importi rispetto a quelli dei precedenti ammortizzatori sociali. Infatti, è prevista una riduzione progressiva del 3% mensile delle indennità a partire dal quarto mese di percezione. Le nuove misure sono contenute nel decreto legislativo del 4 marzo 2015, pubblicato sulla gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo, in attuazione della  legge delega n. 183/2014, con la quale il Governo ha riordinato il mercato del lavoro nel suo complesso.

Il dlgs, insieme a quello riguardante il “contratto a tutele crescenti”, è uno dei primi atti di questo disegno di riforma complessivo, duramente contestato dalla Cgil, perché il Governo, anziché, procedere verso la stabilizzazione del lavoro, amplifica le divisioni esistenti , tra chi è precario e chi invece continuerà ad avere le vecchie tutele, senza ridurre le tante tipologie di contratti atipici, dietro cui si nasconde un esercito infinito di precari, nonostante le dichiarate intenzioni di volerle eliminare, a cominciare dai co.co.co,  co.co.pro. e le false partite Iva.    

Nel decreto legislativo sugli ammortizzatori sociali sono previsti:

  • la NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego)  è  rivolta alla generalità dei lavoratori (esclusi i dipendenti pubblici e gli agricoli) che, a partire dal 1° maggio, ha inglobato l’ASpI e la mini ASpI, introdotte dalla legge di riforma del mercato del lavoro (n.92/2012);
  • l’ASDI, (Assegno di Disoccupazione) è una nuova indennità di disoccupazione che interviene una volta esaurito il periodo di NASpI;
  • la DIS-COLL, per le collaborazioni coordinate, continuative e a progetto che sostituisce la vecchia “una tantum” .
  • Contratto di ricollocazione, per aiutare il lavoratore/trice disoccupato/a nella ricerca di nuova occupazione

Oltre ad una penalizzazione generalizzata degli importi delle prestazioni, il nuovo provvedimento interviene pesantemente sull’istituto della contribuzione figurativa (quella di cui si fa carico lo Stato, in determinate circostanze, senza l’obbligo dei versamenti contributivi da parte del lavoratore/trice) prevedendo un tetto massimo, che comporterà conseguenze negative rispetto alla misura e al raggiungimento dei requisiti pensionistici di ogni lavoratore/trice.  

Nel tentativo di conciliare le politiche attive e passive per il lavoro, il nuovo sistema di tutela contro la disoccupazione involontaria subordina il riconoscimento della prestazione (pena la decadenza dal diritto) alla disponibilità effettiva del lavoratore/trice a partecipare a percorsi di formazione, riqualificazione e orientamento finalizzati alla ricerca di nuova occupazione. Una scelta teoricamente giusta, che mal si concilia però con le scarse opportunità di nuova occupazione e con l’assenza di progetti reali per il reinserimento dei disoccupati nel mercato del lavoro. 

Avvertiamo, comunque, i lavoratori/trici che, data la complessità della materia, è consigliabile rivolgersi agli uffici Inca per ricevere la consulenza necessaria, onde evitare scelte affrettate e dannose e far in modo, invece, di avere l’informazione completa affinché i diritti del lavoro non vadano in soffitta. 

Che fine fanno l’Aspi e la mini Aspi

Tutti quei lavoratori/trici che già usufruiscono dell’ASpI o Mini ASpI, o che risultano disoccupati prima del 1° maggio, continuano a percepire le relative prestazioni secondo i criteri previsti dalle vecchie norme (l. n.92/2012).