rss

Previdenza e ricongiunzioni onerose


Gratuità per domande presentate dal 1° al 30 luglio 2010

Dopo la decisione della Corte Costituzionale di dichiarare l’illegittimità della retroattività della norma che ha trasformato in onerosa l’operazione di ricongiunzione dei contributi previdenziali (art. 12, comma 12-septies, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122), l’Inps provvede, con la circolare n. 116 del 19 luglio, a recepire la sentenza, fornendo le necessarie indicazioni operative per garantire la gratuità della ricongiunzione dei contributi a coloro che hanno presentato domanda dal 1° al 30 luglio 2010.  

La Consulta, lo ricordiamo, si è pronunciata a seguito di un ricorso promosso dai legali di Inca, che hanno sollevato dubbi di legittimità sulla retrodatazione degli effetti della norma entrata in vigore il 30 luglio, facendola risalire al 1° dello stesso mese. La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 147/2017, ha stabilito che tale disposizione “…vanifica l’affidamento legittimo che i lavoratori avevano riposto nell’applicazione del regime vigente al tempo della presentazione della domanda (…). Di conseguenza, aggiunge,  “L’esigenza di garantire la tutela del legittimo affidamento non può che arrestarsi nel momento a partire dal quale le disposizioni della legge 30 luglio 2010, n.122 sono entrate in vigore”.

Di conseguenza, la circolare dell’Istituto previdenziale  precisa che le richieste presentate dal 1° al 30 luglio 2010 e non ancora definite con il provvedimento amministrativo di accoglimento, saranno considerate a titolo gratuito; mentre per quelle definite, occorre che le persone coinvolte presentino una regolare richiesta all’Inps di riesame, a condizione però che nel frattempo “non sia intervenuta sentenza negativa del diritto passata in giudicato ovvero non sia trascorso il termine previsto per la proposizione dell’azione giudiziaria”.

Nulla cambia invece, avverte l’Inps, per le altre domande di ricongiunzione al di fuori di questo periodo che quindi rientrano nel regime delle ricongiunzioni a titolo oneroso.