rss

Indennità di disoccupazione

A Trento in arrivo il NuovoRa


A seguito della delibera n. 891 del 31 maggio 2016, la Provincia Autonoma di Trento ha introdotto per i propri residenti un’altra prestazione a sostegno dei  disoccupati, denominata Nuovo Reddito di Attivazione (NuovoRA), che integra l’ASDI o nei casi di non fruizione dello stesso, riconosce una prestazione autonoma a decorrere dal 1 maggio 2015.


L’Inps, al quale spetta l’onere del pagamento, a seguito dei tavoli tecnici intercorsi tra l’Istituto e la Provincia Autonoma di Trento ha sottoscritto l’apposita Convenzione, che è stata approvata con la determina Presidenziale n. 87 del 24 giugno 2016. Con la circolare n. 192 del 20 ottobre scorso, l’Istituto fornisce i chiarimenti necessari sui requisiti, i destinatari e gli importi della nuova prestazione.

Innanzi tutto, l’Inps chiarisce che il beneficio economico è rivolto ai residenti nel territorio della Provincia di Trento al momento della domanda di NuovoRA, purché in possesso dei seguenti requisiti:

a. essere in stato di disoccupazione ed aver sottoscritto il Progetto personalizzato presso il Centro per l’impiego, ai sensi dell’art. 5 comma 4 del Decreto interministeriale 29 ottobre 2015;

b. aver fruito della NASpI per la sua durata massima e non aver percepito la stessa in forma anticipata;

c. essere ancora in stato di disoccupazione al termine del periodo di fruizione della NASpI;

d. non aver maturato i requisiti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato, o per l’assegno sociale;

e. essere in possesso di una attestazione dell’ISEE, in corso di validità, dalla quale risulti un valore dell’indicatore pari o inferiore ad euro 8.000.

f. aver usufruito del NuovoRA per non più di 6 mesi nei 12 mesi precedenti il termine del periodo di fruizione della NASpI, e comunque per non più di 24 mesi nel quinquennio precedente il medesimo termine.

Il NuovoRA spetta dal giorno successivo alla data di cessazione del periodo massimo indennizzabile a titolo di NASpl, per un periodo massimo di 6 mensilità. La domanda di NuovoRA viene presentata all’Inps, esclusivamente in via telematica, direttamente dal cittadino in possesso del PIN dispositivo Inps, oppure tramite patronato, o Contact Center Integrato Inps-Inail, ed entro il termine perentorio di trenta giorni, decorrenti dal termine della NASPI.

Per i residenti nella Provincia Autonoma di Trento, che abbiano già presentato domanda di ASDI, l’Inps provvederà d’ufficio all’istruttoria per la verifica del diritto al NuovoRA. L’Inps precisa, inoltre, che la presentazione della domanda di NuovoRA contiene anche la richiesta di ASDI; pertanto, il modulo telematico di presentazione dell’istanza contiene tutte le informazioni necessarie per la verifica dei requisiti per la concessione dell’ASDI.

L'importo giornaliero del NuovoRA è pari al 75% dell'ultima indennità giornaliera di NASpI percepita, non comprensiva degli eventuali ANF (Assegni al nucleo familiare). L’indennità giornaliera di NASpI presa a riferimento per il calcolo è definita negli stessi termini previsti per l’ASDI. Il mensile del NuovoRA viene determinato moltiplicando l’importo giornaliero per 30 giorni, indipendentemente dal numero di giorni compresi nel mese solare di interesse, con l’esclusione del mese di febbraio, per il quale si considereranno 28 o 29 giorni.

Qualora il beneficiario di NuovoRA abbia anche i requisiti per l’ASDI, il NuovoRA è calcolato ad integrazione del medesimo, fino alla concorrenza del 75% dell’ultima indennità giornaliera di NASpI percepita. Nella stessa circolare, l’Inps precisa che i periodi, durante i quali si percepisce il NuovoRA non sono coperti da contribuzione figurativa e non sono in alcun modo utili al riconoscimento del diritto ad altra prestazione previdenziale prevista dalla normativa nazionale.