rss

Infortuni e Malattie professionali nei marittimi

Completata la fusione tra Ipsema e Inail

A distanza di più di sei anni i servizi istituzionali dell’ex Ipsema,  sono stati integrati nei sistemi dell’Inail. E’ stato completato, infatti, il processo di integrazione operativa dell’assicurazione infortunistica del settore della navigazione marittima (ex Ipsema) con le altre gestioni affidate all’Inail. Lo ha comunicato l’Istituto con la circolare n.35 del 4 ottobre 2016. L’unificazione, prevista dalla legge 122, è iniziata nel maggio 2010 quando, con la soppressione dell’Ipsema, sono state trasferite all’Inail le sue funzioni, a partire da quelle svolte per la tutela dei lavoratori del settore marittimo per quanto riguarda gli infortuni e/o le malattie professionali.

Conseguentemente, dal 3 ottobre 2016, per le posizioni assicurative e i servizi  ad esse correlate (pagamento premi, regolarità contributiva, assicurazione equipaggio, ecc.) assumerà le competenze l’ufficio Inail ove è collocata la sede legale dell’armatore. Mentre per gli infortuni e le altre prestazioni assicurative competente sarà la sede del domicilio del lavoratore infortunato.

Da gennaio 2017, anche per gli addetti alla navigazione, titolari di rendita,  il pagamento della prestazione Inail sarà effettuato tramite l’Inps. Ciò implica che il lavoratore infortunato, qualora risulti percettore di più prestazioni (Inps-Inail), riceverà un unico assegno il 1° giorno di ogni mese. L’Inail informa, infine, che è stato completato anche il servizio telematico per la denuncia di eventuali infortuni e malattie professionali da parte del comandante della nave o dell’armatore/datore di lavoro.