rss

Esodati 2010

Prolungamento misure di sostegno al reddito


In Gazzetta Ufficiale il Decreto ministeriale numero 96512 che consente il prolungamento degli interventi di sostegno del reddito e che autorizza l’Inps a pagare le mensilità relative a quegli esodati che prima del 2011 avevano siglato accordi per l’uscita dal mondo del lavoro e la cui pensione avrebbe avuto decorrenza nel 2016.


Si tratta di quei lavoratori che, dopo aver sottoscritto accordi per uscire dal mondo del lavoro, si sono visti slittare la decorrenza della loro pensione per effetto delle cosiddette finestre mobili (attesa di 12 mesi per i dipendenti e di 18 per gli autonomi), introdotte dal 1° gennaio 2011 dal Dl 78/2010, rimanendo in quell’intervallo di tempo senza lavoro né stipendio. 

Con il decreto, è stato autorizzato un prolungamento del sostegno al reddito a patto però che la decorrenza della pensione si collochi tra il 1° gennaio ed il 31 Dicembre 2016. Si tratta in particolare di:

1) lavoratori collocati in mobilità ordinaria ai sensi degli articoli 4 e 24 della legge 23 luglio 1991, n. 223, e successive  modificazioni, sulla base di accordi sindacali stipulati prima del 30 aprile 2010 (cessati dal servizio entro la medesima data) e che maturano i requisiti per il pensionamento entro il periodo di fruizione della mobilità di cui all’articolo 7, commi 1 e 2, della legge 23 luglio 1991, n. 223;


2) lavoratori collocati in mobilità lunga ai sensi dell’articolo 7, commi 6 e 7, della legge 23 luglio 1991, n. 223, e successive modificazioni e integrazioni, per effetto di accordi collettivi stipulati entro il 30 aprile 2010;

3) lavoratori che al 31 Maggio 2010, sono titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore di cui all’articolo 2, comma 28, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.

Il decreto stabilisce che il prolungamento è concesso per un numero di mensilità non superiore al periodo di tempo intercorrente tra la data computata con riferimento alle disposizioni in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici vigenti prima della data di entrata in vigore del decreto-legge n. 78 del 2010 e quella della decorrenza del trattamento pensionistico computata sulla base di quanto stabilito dall’art. 12 del medesimo decreto-legge”.

Il beneficio verrà concesso ai lavoratori in possesso dei requisiti richiesti che presentino domanda per il pensionamento sulla base delle disposizioni in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici vigenti prima dell’entrata in vigore del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78.