rss

Esperienze n. 38/22/12/2017

Se non visualizzi correttamente questo messaggio e-mail clicca qui
Tumori professionali: rendita Inail a superstiti

Cassazione: "concause" extralavorative non pregiudicano il diritto

Quando la morte di un lavoratore è causata da un tumore professionale, inserito nella tabella Inail, l’Istituto assicuratore non può negare il diritto alla rendita ai superstiti basandosi su altri fattori extralavorativi, che possono solo aver contribuito all’esito fatale. Con la sentenza n. 29767/17 del 12 dicembre, la Cassazione interviene nuovamente in modo inequivocabile a riaffermare che di fronte alla certezza dell’esposizione a inquinanti tossici, definiti come cancerogeni, non si può negare l’origine lavorativa della patologia tumorale  e l’Inail non può sottrarsi dall’obbligo di provare l’insussistenza del nesso causale, così come prevede la normativa. In particolare, con questa sentenza, l’Alta Corte ha rigettato la tesi, secondo la quale, il tabagismo può inficiare la prova dell’origine professionale del tumore ai polmoni, riconoscendo il diritto alla rendita Inail agli eredi di un dipendente di una azienda produttrice di macchine agricole, addetto ai forni, alle forge e alla saldatura dei metalli, dal 1963 al 1993.

Leggi articolo >
Povertà: presentazione domande per Reddito di inclusione (ReI)
I punti di accesso individuati dai Comuni, presso cui si possono presentare le richieste del Reddito di Inclusione (ReI) già a partire dal 1° dicembre, hanno tempo 15 giorni lavorativi per girare all’Inps le domande pervenute, a partire dalla data di presentazione. L’Istituto previdenziale, a sua volta, entro cinque giorni verifica la sussistenza dei requisiti familiari ed economici previsti dal D.lgs 147/17, per il riconoscimento della reddito di inclusione in favore delle famiglie più povere. 
Leggi articolo >
Assegno sociale. Adeguamento età per il diritto
L’Inps, con il messaggio n. 4920 del 7 dicembre, da indicazioni sull’innalzamento dell’età anagrafica prevista dal 2018 per il diritto all’assegno sociale, che per il prossimo anno è fissata a 66 anni e 7 mesi e dal 2019 aumenterà a 67 anni. Il vecchio requisito anagrafico di 65 anni e 7 mesi resta confermato solo per coloro che raggiungono questa età entro il 31 dicembre 2017, anche se presentano la domanda  successivamente a tale data. 

Leggi articolo >
Disoccupazione: compatibilità NASpI con attività lavorative

Nella circolare n. 174 del 23 novembre, l’Inps chiarisce che il lavoratore, percettore di indennità di disoccupazione (NASpI), qualora svolga attività non inquadrate formalmente in un rapporto di lavoro subordinato o non concernenti in senso stretto ad attività autonome o di impresa individuale, dalle quali ricava redditi che si aggiungono all’indennità di disoccupazione, è sottoposto alla disciplina prevista agli artt. 9 e 10 del D.lgs 22/2015, in tema di decadenza, sospensione e riduzione dell’importo della prestazione.

Leggi articolo >
Maternità. Premio alla nascita a madri straniere

Dopo l’ordinanza del Tribunale di Milano, che ha censurato la condotta discriminatoria di Inps, con la quale veniva negato il premio alla nascita alle future mamme straniere sprovviste del permesso di soggiorno di lungo periodo, l’Istituto fa sapere di aver già interessato i Ministeri vigilanti e la Presidenza del Consiglio dei Ministri e che sta predisponendo i necessari interventi sulle procedure telematiche, in “ottemperanza all’ordinanza”.     

Leggi articolo >
Patronato INCA CGIL - Sede Centrale
a cura di Lisa Bartoli - Area Comunicazione
Via G.Paisiello,43 - 00196 ROMA | Tel. +39 06 855631| Fax +39 06 85352740 | E-mail info@inca.it | C.F. 80131910582
Se non desideri ricevere in futuro la newsletter clicca qui | Copyright © Patronato Inca Cgil - tutti i diritti riservati