rss

Esperienze n. 25/08/09/2017

Se non visualizzi correttamente questo messaggio e-mail clicca qui
Vittime da amianto

Responsabilità delle Autorità Portuali, come "datori di lavoro di fatto"
L'Autorità Portuale è responsabile della sicurezza e della prevenzione dei prestatori di lavoro, come “datore di lavoro di fatto”, anche quando non risultano come suoi diretti dipendenti. Lo ha stabilito una sentenza del Tribunale di Trieste n. 214, emessa il 9 agosto scorso, che ha condannato l’Autorità Portuale di Mare Adriatico Orientale-Porto di Trieste al risarcimento dei danni, patrimoniali e non, in favore degli eredi di un lavoratore, deceduto nel 2011 a causa di una prolungata esposizione all'amianto. Per Giancarlo Moro, consulente legale di Inca, che ha patrocinato il ricorso degli eredi, si tratta di “una sentenza importante, che si può estendere ai maggiori porti italiani”, dove spesso la manodopera viene reclutata attraverso cooperative di lavoratori portuali (o compagnie). 
Leggi articolo >
Assenze dal lavoro per malattia. Visite fiscali di competenza di Inps

A partire dal 1° settembre, è stato avviato il Polo unico per le Visite Mediche di Controllo (VMC) che attribuisce all’Inps la competenza esclusiva ad effettuare visite fiscali sia su richiesta dei datori di lavoro (pubblici e privati), sia d’ufficio. Per i dipendenti pubblici, quindi, le visite di controllo non saranno più effettuate dalle ASL. La novità è prevista negli artt. 18-22 del decreto legislativo 25 maggio 2017 n. 75.

Leggi articolo >
Indennità DIS COLL per domande NASpI erroneamente presentate

Con il messaggio n. 3242 pubblicato il 4 agosto scorso, l’Inps chiarisce che, a seguito del parere del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, anche per gli eventi di disoccupazione verificatisi nel 2016, è possibile la trasformazione  delle istanze erroneamente presentate come domande di NASpI in richieste di DIS COLL.

Leggi articolo >
Pensionati all'estero.  Campagna di accertamento esistenza in vita 

Al via la campagna 2017 per l’accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati residenti all’estero.  Con il messaggio n. 3378, pubblicato il 30 agosto scorso, l’Inps fa il punto sulle nuove procedure di verifica ricordando che le relative operazioni saranno effettuate dalla Citibank, l’istituto di credito a cui sono affidati i pagamenti esteri per conto di Inps. 

Leggi articolo >
Tutela di Inca in Tunisia: Bilancio dell'attività

Il Patronato INCA CGIL Tunisia per tutto il 2017 ha posto con particolare forza e incisività le problematiche riguardanti i lavoratori e le lavoratrici tunisine in Italia, una tema questo che ha acquistato un centralità sempre più vistosa e consistente. Questo grazie agli sforzi e all'impegno profuso in questi anni dalle strutture Inca in Tunisia, che costituiscono oggi una realtà apprezzata da più parti, che gode di grande credibilità e della fiducia piena dei lavoratori e delle lavoratrici tunisine. 

Leggi articolo >
Patronato INCA CGIL - Sede Centrale
a cura di Lisa Bartoli - Area Comunicazione
Via G.Paisiello,43 - 00196 ROMA | Tel. +39 06 855631| Fax +39 06 85352740 | E-mail info@inca.it | C.F. 80131910582
Se non desideri ricevere in futuro la newsletter clicca qui | Copyright © Patronato Inca Cgil - tutti i diritti riservati