rss

Esperienze n. 19/26/05/2017

Se non visualizzi correttamente questo messaggio e-mail clicca qui
Pensioni anticipate a 64 e 7 mesi

L'Inca annuncia ricorsi contro l'Inps 

Una rondine non fa primavera: dopo numerose insistenze, il 13 aprile l’Inps consegna alla Commissione Lavoro della Camera i dati sulle pensioni già liquidate in base all’articolo 24, comma 15 bis, del decreto legge n. 2014/2011, ma un mese dopo (il 17 maggio) diffonde un messaggio alle proprie strutture (non pubblicato sul sito istituzionale) confermando i criteri restrittivi per chi chiede di andare in pensione anticipata a 64 anni e 7 mesi, secondo la norma “eccezionale” per i nati nel 1952. Senza alcun segnale di ripensamento, l’Istituto ribadisce ancora una volta che dal calcolo dell’anzianità contributiva, per coloro che risultano senza occupazione al 28 dicembre 2011, sono esclusi la “contribuzione  volontaria, l‘accredito figurativo per eventi che si sono verificati al di fuori del rapporto di lavoro dipendente del settore privato, da riscatto non correlato ad attività lavorativa”.  “Una decisione giudicata “grave e arbitraria” per Inca Cgil, che ha promesso di avviare ricorsi amministrativi e, se necessari, anche legali.  

Leggi articolo >
Pensioni: per Ape social e  precoci domande fino al 15 luglio 
Con la firma dei decreti attuativi relativi ad Ape sociale e lavoratori precoci viene avviato un percorso per anticipare il momento del pensionamento rispetto ai requisiti previsti dalla legge Monti-Fornero. Le due misure, previste nella legge di bilancio 2017, hanno validità a partire dal 1° maggio (anche se i decreti sono stati emanati con un discreto ritardo), ma sono diverse poiché l’Ape sociale ha carattere sperimentale e dunque una validità fino a dicembre 2018, mentre la pensione anticipata per i lavoratori precoci  è di natura strutturale e quindi non dovrebbe avere scadenza.
Leggi articolo >
Bonus asilo nido: le istruzioni operative dell'Inps 

A partire dal 17 luglio prossimo e fino al 31 dicembre 2017, si potranno presentare le domande per il riconoscimento del Bonus asilo nido, introdotto con la legge di bilancio 2017, all’articolo  1, comma 355. Lo comunica l’Inps nella circolare n. 88, fornendo le istruzioni operative per l’accesso alle “Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati”. La prestazione è rivolta in favore dei genitori di minori nati o adottati dal 1 gennaio 2016 e consiste in un contributo di 1.000 euro complessivi.  

Leggi articolo >
Indennità di disoccupazione: proroga Dis coll per collaboratori

Per i lavoratori con contratto di lavoro di lavoro coordinato e continuativo, l’indennità di disoccupazione, cosiddetta Dis Coll, è stata prorogata fino al 30 giugno prossimo, ma solo tre giorni fa l’Inps ha emanato la circolare applicativa che sblocca di fatto la procedura telematica per l’invio delle domande.  Per gli eventi di disoccupazione già avvenuti, la richiesta potrà essere inoltrata entro il 30 luglio prossimo.  

Leggi articolo >
Diritti negati agli immigrati. L'Inps condannata ancora una volta
L’Inca registra un’altra vittoria in favore dei diritti degli immigrati. La Corte di appello di Firenze  impone all’Inps di pagare l’assegno sociale ad una cittadina albanese e lo condanna a corrisponderle anche gli interessi legali, a decorrere dalla data di comunicazione con la quale l’Istituto aveva respinto precedentemente la richiesta della prestazione. 
Leggi articolo >
Patronato INCA CGIL - Sede Centrale
a cura di Lisa Bartoli - Area Comunicazione
Via G.Paisiello,43 - 00196 ROMA | Tel. +39 06 855631| Fax +39 06 85352740 | E-mail info@inca.it | C.F. 80131910582
Se non desideri ricevere in futuro la newsletter clicca qui | Copyright © Patronato Inca Cgil - tutti i diritti riservati