rss

Esperienze n.12/31/03/2017

Se non visualizzi correttamente questo messaggio e-mail clicca qui
Il mobbing nel Jobs act

Candeloro (Inca):  difficile affermarlo, impossibile dimostrarlo 

Lasciato per più di un anno inattivo, senza compiti, isolato, privo di scrivania e di un ufficio, costretto a sostare in piedi lungo il corridoio, poi spostato al cimitero, come sede di lavoro, per lo svolgimento delle pratiche. Ce n’è abbastanza per la Corte di Cassazione per stabilire l’esistenza di un comportamento persecutorio da parte del datore di lavoro, da configurarsi come mobbing e di conseguenza per  condannare un Comune calabrese al pagamento del danno biologico, a titolo di risarcimento, in favore di un dipendente della polizia municipale.   La sentenza n. 2142 del 27 gennaio è l’ultima, in ordine di tempo, in tema di mobbing, ma non ce ne sono molte altre dello stesso segno. Difficile è dimostrare l’intento persecutorio del datore di lavoro, base necessaria per il riconoscimento di comportamento mobbizzante, quasi impossibile quando mancano riferimenti legislativi certi, in grado di definirlo. A complicare le cose – spiega Silvino Candeloro, del collegio di presidenza Inca -, si è aggiunto il Jobs act che, eliminando ogni vincolo ai licenziamenti, incoraggia i datori di lavoro ad usare ogni mezzo per liberarsi di manodopera scomoda, per esempio, scegliendo di ‘risolvere’ rapporti di lavoro più costosi per favorire l’ingresso di persone con contratti più precari”. 

Leggi articolo >
Amianto. Cassazione, benefici previdenziali senza "onere di prova"
Due volte si vede respingere i benefici previdenziali per gli esposti ad amianto, ma la Corte di Cassazione infine accoglie le ragioni di un lavoratore affermando il principio secondo il quale non c’è obbligo, data la lunga esposizione lavorativa, di “dettagliare la quantità di fibre per centimetro cubo presenti nel luogo di lavoro”. Dopo otto anni di battaglie legali contro l’Inps, la Corte di Cassazione riconosce, dunque, il diritto alla maggiorazione dell’anzianità contributiva ad un dipendente delle Ferrovie Sud-Est  srl che, per 12 anni, si  è occupato della manutenzione dell’apparato frenante anteriore e posteriore degli autobus e della sostituzione dei ferodi, contenenti amianto in quantità considerevoli
Leggi articolo >
Part time ciclico: Flai e Inca per riconoscimento anzianità contributiva
Dopo quattro sentenze della Cassazione, favorevoli al riconoscimento dell’anzianità contributiva, utile per il diritto a pensione, dei periodi non lavorati, Inca e Flai rilanciano l’attività di contenzioso sul part time ciclico verticale. Per il patronato della Cgil, è del tutto ingiustificato che l’Inps continui ad escludere dal calcolo dell’anzianità contributiva, i periodi di sosta, dovuti non per scelta del lavoratore, ma per le caratteristiche specifiche dell’attività. 
Leggi articolo >
Pensioni in cumulo: le prime istruzioni dell'Inps
A quasi tre mesi dall’entrata in vigore della legge di Bilancio (1° gennaio 2017), l’Inps, con la circolare n. 60 del 16 marzo, fornisce le prime indicazioni sull’applicazione del nuovo regime di cumulo per valorizzare la contribuzione versata in diverse gestioni, ma resta ancora tutta da chiarire come sarà possibile applicare questa norma per gli iscritti presso le casse libero professionali, ai quali è stata estesa l’opportunità con la legge di Bilancio 2017, che però resta per ora solo sulla carta in attesa dei chiarimenti ministeriali. 

Leggi articolo >
I nuovi italiani all'estero: i loro bisogni e il ruolo dei patronati

Oltre 5.000.000 sono gli italiani all’estero e molti altri sono i giovani che vorrebbero lasciare il nostro paese, non solo per cercare quel lavoro che in Italia non riescono a trovare, ma anche per fare un’esperienza nuova. Quasi uno su 3 conosce i patronati ai quali riconoscono un ruolo decisivo nell’affrontare le problematiche legate al trasferimento e oltre il 50%  si dichiara soddisfatto dei servizi resi da questi istituti per agevolare il loro inserimento nei paesi ospitanti; anzi, ne chiedono l’ampliamento. E’ quanto emerge da una indagine promossa dai patronati del Ce.Pa (Acli, Inas, Inca e Ital), realizzata dall'istituto di ricerca Eumetra di Milano.

Leggi articolo >
Patronato INCA CGIL - Sede Centrale
a cura di Lisa Bartoli - Area Comunicazione
Via G.Paisiello,43 - 00196 ROMA | Tel. +39 06 855631| Fax +39 06 85352740 | E-mail info@inca.it | C.F. 80131910582
Se non desideri ricevere in futuro la newsletter clicca qui | Copyright © Patronato Inca Cgil - tutti i diritti riservati