rss

Esperienze n. 6/19/02/2016

Se non visualizzi correttamente questo messaggio e-mail clicca qui
Welfare: Più numerosi i cittadini che pagano

Piccinini (Inca): A rischio l'universalità dei diritti
Nel corso degli ultimi anni, il patronato ha potuto osservare come sia profondamente cambiato il welfare nazionale e territoriale, sia sotto il profilo della qualità e quantità delle prestazioni, per ciò che concerne le condizioni di accesso da parte dei cittadini, nonché per la tipologia delle persone che ne fanno richiesta. Progressivamente si è visto come il reddito sia diventato sempre più un elemento di discrimine nelle prestazioni previdenziali nazionali. In buona sostanza, si è assistito negli anni ad una cambiamento profondo nella declinazione del diritto individuale legato alla cosiddetta “prova dei mezzi”, ovvero alla condizione di reddito personale e familiare. E’ quanto ha affermato Morena Piccinini, presidente Inca, nella relazione introduttiva al convegno “le prestazioni sociali, tra universalismo e selettività, che si è svolto a Roma il 17 febbraio scorso.
Leggi articolo >
Inca: Giù le mani dalle pensioni di reversibilità!
Noi del Patronato troviamo intollerabile che il Governo ipocritamente sostenga di voler creare nuovi diritti per i poveri e poi va a cercare le risorse a scapito dei diritti di altri. Così facendo quel clima di fiducia e di sicurezza, necessario per guardare al proprio futuro con maggiore serenità, si allontana sempre di più con conseguenze negative sul piano  sociale ed economico.
Leggi articolo >
Guida Inca ai diritti dei malati oncologici
La cura e l’assistenza del malato di cancro non può limitarsi ai soli trattamenti terapeutici ma, in considerazione delle difficoltà che la patologia comporta, deve necessariamente comprendere benefici di natura sociale ed economica rivolti non solo al malato ma anche alla sua famiglia. L'Inca offre una guida alla tutela previdenziale, assistenziale e sociale dei malati oncologici.
Leggi articolo >
Consiglio di Stato su permesso attesa occupazione
Al lavoratore straniero che abbia presentato domanda di regolarizzazione, con il pagamento del contributo di 1.000 euro, ma che abbia perso il posto di lavoro prima della stipula del contratto di soggiorno, deve essere concesso un permesso di soggiorno per attesa occupazione, a prescindere dal versamento degli oneri contributivi e previdenziali, che restano a carico del datore di lavoro.
Leggi articolo >
Diritto d'asilo in Europa: Procedimento di infrazione contro l'Italia
La Commissione europea ha deciso di inviare dei “pareri motivati” a sette Stati membri, tra cui l'Italia, nei confronti dei quali erano state già avviati dei procedimenti di infrazione per mancato recepimento delle norme del sistema europeo comune di asilo.
Leggi articolo >
Patronato INCA CGIL - Sede Centrale
a cura di Lisa Bartoli - Area Comunicazione
Via G.Paisiello,43 - 00196 ROMA | Tel. +39 06 855631| Fax +39 06 85352740 | E-mail info@inca.it | C.F. 80131910582
Se non desideri ricevere in futuro la newsletter clicca qui | Copyright © Patronato Inca Cgil - tutti i diritti riservati