rss

 

Ricongiunzione onerosa dei contributi

Corte Costituzionale cancella la retroattività

Chi ha presentato domanda di ricongiunzione contributiva tra il 1° e il 30 luglio 2010 ha  diritto a completare l’operazione di trasferimento dei contributi da una gestione esclusiva  all’Inps in modo totalmente gratuito.  E’ quanto ha stabilito la Corte Costituzionale con la sentenza n. 147/2017 del 23 maggio scorso .

Disoccupazione: proroga Dis coll

Attivata la procedura telematica per le domande

Dopo l’avvenuta proroga della indennità di disoccupazione per i lavoratori con contratti di co.co.co e a progetto, l’Inps comunica l’attivazione della procedura telematica per l’invio delle domande per cessazione di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, intercorsi tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2017. 

Pensioni anticipate per lavori usuranti

Sospensione delle finestre mobili

Dal 1° gennaio 2017, gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti per almeno sette anni negli ultimi dieci di attività lavorativa, oppure per almeno metà della vita lavorativa complessiva possono conseguire il trattamento pensionistico anticipato senza attendere l’apertura della cosiddetta finestra mobile (vale a dire un’attesa di 12 mesi se si è dipendenti o 18 mesi se autonomi) dal perfezionamento dei requisiti pensionistici, ai quali, in via transitoria, non si applicano neppure gli adeguamenti alla speranza di vita previsti per gli anni dal 2019 al 2025. 

Pensioni anticipate a 64 anni e 7 mesi

L’Inca annuncia ricorsi contro l’Inps

Dopo numerose insistenze, il 13 aprile l’Inps consegna alla Commissione Lavoro della Camera i dati sulle pensioni già liquidate in base all’articolo 24, comma 15 bis, del decreto legge n. 2014/2011, ma un mese dopo (il 17 maggio) diffonde un messaggio alle proprie strutture (non pubblicato sul sito istituzionale) confermando i criteri restrittivi per chi chiede di andare in pensione anticipata a 64 anni e 7 mesi, secondo la norma “eccezionale” per i nati nel 1952. 

Diritti negati agli immigrati

L’Inps ci riprova, ma viene condannato

L’Inca registra un’altra vittoria in favore dei diritti degli immigrati. La Corte di appello di Firenze  impone all’Inps di pagare l’assegno sociale ad una cittadina albanese e lo condanna a corrisponderle anche gli interessi legali, a decorrere dalla data di comunicazione con la quale l’Istituto aveva respinto precedentemente la richiesta della prestazione. 
RSS
12345678910Ultimo