rss

 

Premio alla nascita a madri straniere regolari

Chiarimenti di Inps, dopo ordinanza Tribunale di Milano

Dopo l’ordinanza del Tribunale di Milano, che ha censurato la condotta discriminatoria di Inps, con la quale veniva negato il premio alla nascita alle future mamme straniere sprovviste del permesso di soggiorno di lungo periodo, l’Istituto fa sapere di aver già interessato i Ministeri vigilanti e la Presidenza del Consiglio dei Ministri e che sta predisponendo i necessari interventi sulle procedure telematiche, in “ottemperanza all’ordinanza”     

In pensione a 64 anni, per i nati nel 1952

Piccinini (Inca): Ce l'abbiamo fatta!!

I lavoratori del settore privato che vogliano anticipare la pensione a 64 anni, in virtù della norma “eccezionale” per i nati nel 1952 (articolo 24, comma 15 bis della legge n. 214/11), potranno valorizzare tutta la contribuzione volontaria, figurativa e di riscatto, extralavorativa per il raggiungimento dei requisiti richiesti. Il chiarimento, potremmo dire definitivo, è contenuto nella circolare di Inps n. 180 del 7 dicembre scorso. 

Disoccupazione agricola al vaglio della Consulta

Cassazione, garantire indennità a operai a tempo indeterminato

La Corte Costituzionale viene sollecitata nuovamente a pronunciarsi sulla legittimità della disciplina del trattamento di disoccupazione involontaria dei lavoratori agricoli a tempo indeterminato, licenziati il 31 dicembre, ai quali è negata qualsiasi forma di tutela contro la perdita del lavoro. A chiamarla in causa questa volta è la Cassazione.

Medicina del lavoro: Inca, i rischi nei Nail salons

Lo studio dell'Agenzia francese sulla sicurezza sanitaria

Alla fine dello scorso mese di novembre l’Anses (Agenzia francese della sicurezza sanitaria) ha pubblicato uno studio sui rischi per i lavoratori del settore della cura e ricostruzione delle unghie. Marco Bottazzi, responsabile della consulenza medico legale di Inca traccia una sintesi della ricerca. 

Premio alla nascita negato alle immigrate

Tribunale di Milano, condotta discriminatoria di Inps

Il premio alla nascita spetta indistintamente a tutte le future madri, a prescindere dalla loro nazionalità e titolo di soggiorno, così come prevede la legge che lo ha istituito. Senza esitazioni, la magistratura torna ad occuparsi della condotta discriminatoria di Inps a danno degli immigrati, regolarmente presenti nel nostro paese, ordinando anche all’Istituto previdenziale “una idonea pubblicizzazione al riguardo (…) da effettuare a attraverso la pubblicazione di una nota informativa sull’home page del sito internet dell’Inps”, ma anche modificando i moduli di presentazione delle richieste di accesso al beneficio.   

RSS
12345678910Ultimo