rss

 

Infortuni sul lavoro: in Lombardia + 61% i morti

Infortuni sul lavoro: in Lombardia + 61% i morti

Cgil, Cisl e Uil: sicurezza sia priorità

Prima di tutto la sicurezza sul lavoro: è lo slogan del presidio unitario di Cgil, Cisl e Uil organizzato questa mattina a Milano, sotto al Palazzo della Regione, anche a fronte dell'impennata dei morti registrata in Lombardia. In piazza, i sindacati hanno manifestato con bandiere, magliette e striscioni per dire stop alle morti. A sottolineare la drammaticità dei dati, tante tute blu e caschetti da lavoro distese a terra quanti sono stati i morti verificatisi da gennaio ad oggi in Lombardia. 

"In Lombardia gli infortuni mortali sono aumentati del 61%, confrontando solo i dati del registro Ats 2019 con quelli dello scorso anno. A oggi sono 58 i lavoratori vittime di incidenti, contro i 35 dello scorso anno", ha spiegato Massimo Balzarini della segreteria regionale della Cgil, nel suo intervento anche a nome degli altri sindacati. "Ciò significa - ha aggiunto - che a settembre è già stato superato il drammatico dato dell'anno scorso, 53 decessi a dicembre. Il 2019, perciò, sarà un anno nero per la sicurezza sul lavoro". Cgil, Cisl e Uil ribadiscono ancora una volta che "la sicurezza deve essere una priorità, e non soltanto per i sindacati".
Articolo Precedente Nuova nomina in Inca
Articolo Successivo Assemblea nazionale delle delegate Cgil
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x