rss

 

Previdenza: Costituzione Polo nazionale Guardia di Finanza
/ Categorie: Previdenza, Home, IncaMondo

Previdenza: Costituzione Polo nazionale Guardia di Finanza

Inps, sarà operativo dal 1°settembre 2019

A seguito della sottoscrizione del protocollo d’intesa tra l’Inps e la Guardia di Finanza, a far data dal 1° settembre 2019 sarà operativo il “Polo nazionale Guardia di Finanza” presso la Direzione provinciale Inps di Viterbo, che farà capo alla Direzione regionale INPS Lazio. 

Nella circolare n. 118 del14 agosto, l’Istituto spiega che l’assunzione di competenze riguarderà tutti gli assicurati appartenenti alla Guardia di Finanza che, alla data del 1° settembre 2019, non risulteranno aver presentato all’ INPS domanda di prestazioni pensionistiche, o che successivamente cesseranno dal servizio o presenteranno domanda di riscatto ai fini del Trattamento di Fine Servizio. 

Il Polo assumerà le competenze in materia di prestazioni pensionistiche, previdenziali e creditizie a decorrere dal 1° settembre 2019 ( data di subentro). 

In particolare, a partire dal 1° settembre 2019, il Polo svolgerà le seguenti attività: 

  • Sistemazione posizione assicurativa ( RVPA, Predisposizione PA per pensioni); 
  • Gestione domande di riscatto, ricongiunzione, computo, contribuzione volontaria ecc.; 
  • Prestazioni pensionistiche (liquidazione e pagamento della prima mensilità di pensione); 
  • Indennità di buonuscita (prima liquidazione del trattamento di fine servizio e richieste di quantificazione TFS); 
  • Gestione delle prestazioni creditizie (erogazione piccoli prestiti e prestiti pluriennali). 
Per i provvedimenti emanati dalla data di subentro, il Polo assume la competenza anche in materia di gestione dei ricorsi amministrativi. Per le domande presentate entro il 31 agosto 2019 riguardanti le attività sopra elencate, la lavorazione rimane di competenza delle Strutture Inps territoriali, secondo gli attuali criteri adottati dall’Istituto. 

Le liquidazioni, le riliquidazioni e le richieste di quantificazione TFS, relative a cessazioni intervenute entro il 31 agosto 2019, rimangono di competenza della Sede INPS di Roma Tuscolano. 

Le Strutture territoriali avranno cura di trasferire al Polo la documentazione e i fascicoli necessari all’espletamento delle nuove istanze presentate a partire dal 1° settembre 2019. 

Nel richiamare la circolare dell’Istituto previdenziale pubblico, l’Inca precisa, inoltre, che resta confermata la competenza della sede Inps, sulla base della provincia di residenza del pensionato, per l’inoltro delle domande di pensione di reversibilità, assegno al nucleo familiare, variazione ufficio pagatore, ecc. 

Articolo Precedente Lavoro: licenziamenti collettivi
Articolo Successivo Pensioni in Quota 100 dipendenti pubblici
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x