rss

 

Rinnovo contratti
/ Categorie: Home, IncaMondo

Rinnovo contratti

Miceli (Filctem): C’è bisogno di un cambio di passo

“C’è una preoccupante tendenza a separare il salario dalla contrattazione. Intenti demagogici o rozzamente anti sindacali si sommano ad una lucida strategia di una parte delle imprese che persegue l'obiettivo della disintermediazione del sindacato. Gli esempi sono tanti e vari: la mini scala mobile' di Federmeccanica che prescinde dalla contrattazione, il tentativo di trasformare progressivamente in benefit l'intero salario di produttività ed infine la legificazione piena del Pubblico impiego. Per non parlare dei voucher”. Lo ha scritto ieri su l’Unità il segretario generale della Filctem Cgil, Emilio Miceli, secondo il quale quella in atto “è una tendenza che va contrastata con forza poiché senza contrattazione del salario semplicemente non esiste più il contratto”.

Il cosiddetto "modello chimico" – spiega il segretario della Filctem - criticabile o no, poggia le sue basi proprio su questo punto: la centralità della contrattazione. Siamo nel mezzo di una nuova rivoluzione industriale, che si annuncia profonda, e sarà decisiva una nuova "comprensione" tra le forze sociali, in fabbrica e nella società. Sono forti i rischi di una nuova ed inedita radicalizzazione dei rapporti sociali. Ci sarà bisogno di un salto nelle relazioni industriali e non la tentazione di fare di Industria 4.0 l'alba di una risoluzione dei conti con il sindacato. Proprio per queste ragioni è sbagliato appiattire il pluralismo delle culture sindacali.
Articolo Precedente La crisi in Turchia
Articolo Successivo Casa Italia. Il futuro è adesso?
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x