rss

 

Infortuni: oggi due cantonieri uccisi a Torino

Infortuni: oggi due cantonieri uccisi a Torino

Cgil, Cisl, Uil, incidenti non sono tragica fatalità

"Gli infortuni mortali non sono una tragica fatalità: da tempo i sindacati denunciano il forte ridimensionamento degli organici della viabilità, che sta portando ad operare in condizioni di emergenza". Così in una nota Cgil, Cisl e Uil e le categorie del Pubblico impiego intervengono sull'incidente mortale di questa mattina a Villareggia dove hanno perso la vita due addetti della Città metropolitana di Torino  impegnati in un cantiere stradale e travolti da una vettura. 

 "Queste condizioni di lavoro sono anche il frutto della pesanti riforme degli enti locali che si sono susseguite negli anni e che hanno tagliato pesantemente fondi e organici, lasciando inalterate le funzioni da svolgere", proseguono i sindacati. "La politica, dal livello nazionale a quello locale, deve assumersi le proprie responsabilità: si rende più che mai necessaria la prevenzione attraverso un piano di intervento strutturato", sottolineano Cgil, Cisl e Uil ricordando che "i circa 3.000 km di strada, in capo alla Città Metropolitana, erano gestiti da circa 300 cantonieri, ora gli stessi sono gestiti da meno di 150 cantonieri".

"Da anni il sindacato chiede assunzioni e ancora non un solo cantoniere è stato assunto", concludono Cgil, Cisl,Uil, Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl che assicurano l'impegno a "proseguire la vertenza per le condizioni di sicurezza sul lavoro in tutto il territorio che non può continuare a essere sottovalutata". A seguito del mortale incidente sul lavoro nel promo pomeriggio si è svolta un’assemblea dei lavoratori della Città Metropolitana indetta dalle Rsu.


Articolo Precedente #FuturoalLavoro: 9 febbraio manifestazione a Roma
Articolo Successivo Pil: Cgil, sabato in piazza per futuro Paese
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x