rss

 

Infortuni. Cgil, prevenzione grande assente

Infortuni. Cgil, prevenzione grande assente

Camusso, mi colpiscono silenzi di Confindustria e Politica

"Sono sconsolata dai silenzi di Confindustria e della politica". Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, torna a parlare degli incidenti sul lavoro dopo il nuovo caso mortale di questa mattina all'Ilva di Taranto. “Le tragedie di questi giorni – afferma chiudendo l'assemblea generale dei pensionati della Cgil – non sono episodi imprevedibili né avvengono in luoghi periferici, ma accadono in industrie importanti e hanno tutte lo stesso segno: che le vittime lavoravano in società di subappalti con condizioni di lavoro esattamente diverse da quelle dei lavoratori dell'impianto".

Nessun caso isolato, dunque, per Camusso ma incidenti che dicono che “le procedure di appalto hanno reso pericolosi i cicli produttivi, che la precarietà non aiuta e che la prevenzione sul lavoro è scomparsa”. E’ in questo quadro, che “colpisce il silenzio di Confindustria”, la quale “non può far finta di nulla”. Ed è proprio all’Associazione degli imprenditori che rivolge alcuni interrogativi: “non ha nulla da dire? Pensa che il problema riguardi aziende che non sono sue?”

“E mi colpisce il silenzio della politica”, prosegue Camusso chiedendo al Parlamento di agire. “Il Parlamento – precisa - può rilanciare il tema soprattutto in questo momento che non mi pare particolarmente oberato di lavoro. Potrebbe intanto discutere su quello che può fare. Sarebbe un segnale”.


Articolo Precedente Sicurezza sul lavoro
Articolo Successivo Pensioni in cumulo per professionisti
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x