rss

 

Lavoro. Anpal
/ Categorie: Home, IncaMondo

Lavoro. Anpal

Entro natale i primi assegni di riallocazione

Partiranno entro Natale i primi assegni di ricollocazione per facilitare la ricerca di lavoro per i disoccupati italiani. L'entità del voucher da destinare alle agenzie per l'impiego e simili, a patto che 'ricollochino', potrebbe arrivare fino a 5mila euro. Ma stop a discrezionalità e raccomandazioni per fissare tale ammontare: adesso a stabilire il bouns sarà un algoritmo 'intelligente'. A erogarli sarà l'Anpal, l'Agenzia per le politiche attive del lavoro, presieduta dal giuslavorista Maurizio Del Conte, istituita circa un anno fa con il difficile compito di gestire per la prima volta su scala nazionale le politiche per la ricerca del lavoro a beneficio di una economia sana e non il mero sostegno al reddito. "Entro Natale sarà avviata la fase sperimentale che durerà fino a quando il sistema non entrerà a regime", annuncia all'Adnkronos Maurizio Del Conte.

"Vogliamo stimolare la cultura della ricollocazione, non il sostegno al reddito, ed evitare il mercato fasullo della ricollocazione quello dei colloqui a tempo indeterminato - spiega l'economista - forzando sulla parte a risultato e riducendo al massimo quella a processo". In sostanza: Niente assegno se non ricollochi. Prima si partirà con 10mila offerte a disoccupati estratti a sorteggio su scala nazionale come in tutte le fasi sperimentali, per poi arrivare a regime, entro il 2017, a poter offrire il voucher a tutti i disoccupati aventi diritto, circa 1 mln. Ma a occhio e croce ci si aspetta che gli interessati al nuovo strumento siano circa la metà o meno. Per la fase di avvio l'Anpal mette sul piatto una dotazione finanziaria da 400 mln di euro. Se non bastassero si provvederà ad aumentare la dotazione e la fase sperimentale è indispensabile per prendere le misure sull'accoglienza al voucher.

Il meccanismo funzionerà più o meno così: l'assegno può essere richiesto dal disoccupato dopo 4 mesi dalla fine della Naspi e funzionerà come un voucher da presentare ai centri per l'impiego o le agenzie private, che potranno riscuoterlo solo se riusciranno a 'piazzare' il richiedente lavoro. Il tutto entro un anno: dopo 12 mesi il 'buono' scade. L'entità dovrebbe aggirarsi entro una forchetta dai 2.000 fino a 5.000 euro per le zone più depresse e i disoccupati più vulnerabili.

Il concetto in pratica è di alzare l'assegno laddove è più difficile ricollocare, per esempio il Sud. "Noi - ha assicurato De Conte - mettiamo a disposizione del disoccupato la struttura per richiedere l'assegno, poi verifichiamo le condizioni, il sistema fa una profilatura sulla base di un set di informazioni su età, formazione, professionalità, area geografica, per citarne alcune, e sulla base di queste, un algoritmo intelligente fissa l'entità dell'assegno". Ed è qui arriva un'altra svolta culturale dell'intervento. L'entità dell'assegno sarà affrancato dalla discrezionalità che in passato rendeva il voucher anche strumento di consenso sul territorio e verrà stabilito da un algoritmo intelligente. "L'assegno - spiega Del Conte - non sarà più esposto al rischio dell'arbitrio, o peggio ancora della raccomandazione, ma verrà adesso fissato sulla base di dati reali e criteri oggettivi, con un algoritmo che 'impara': siamo all'Anno Zero di una svolta culturale".

Articolo Precedente Ammortizzatori sociali in Campania
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x