rss

 

Engie disdice contratto settore
/ Categorie: Home, IncaMondo

Engie disdice contratto settore

Sindacati chiedono incontro urgente al Mise

Filctem Cgil, Flaei Cisl, Femca Cisl e Uiltec Uil chiedono, urgentemente, con una lettera un incontro al ministero dello Sviluppo Economico dopo la disdetta formale dell'applicazione dei contratti nazionali di settore gas acqua ed elettrico da parte di Engie - che riguarda circa 500 lavoratori dell'azienda francese - a favore dell'applicazione del contratto metalmeccanico.

Per i sindacati si tratta di "una decisione grave, che da un lato mina le relazioni industriali, che fino ad oggi hanno prodotto risultati ottimi e scelte condivise, soprattutto in seguito alla forte crisi del settore, dall'altro risulta lesiva per i diritti di quei 500 dipendenti coinvolti". Le organizzazioni sindacali di categoria ritengono "assolutamente incomprensibile l'atteggiamento dell'azienda francese e inaccettabile la destrutturazione del modello contrattuale italiano che garantisce, invece, specificità e competenze professionali".

Questo avviene in un contesto in cui era stato concordato un processo di armonizzazione dei diversi trattamenti integrativi applicati in Engie ai lavoratori regolati dai contratti nazionali dell'energia e a quelli regolati dal ccnl metalmeccanico attraverso un percorso condiviso da tutte le organizzazioni sindacali dei vari comparti.

"Il dumping contrattuale, che falsa le regole del mercato e non tutela i lavoratori, è un fatto assolutamente grave ed inaccettabile - spiegano i segretari generali Filctem Cgil, Flaei Cisl, Femca Cisl e Uiltec Uil, rispettivamente Emilio Miceli, Carlo Meazzi, Nora Garofalo e Paolo Pirani -. Abbiamo più volte invitato i vertici aziendali ad un incontro per riprendere il giusto tema dell'armonizzazione dei trattamenti in modo costruttivo, ma senza alcun successo". "A questo punto - concludono - non resta che il coinvolgimento delle istituzioni per riportare il dialogo sui giusti binari". 

Articolo Precedente Sanità. Fp Cgil, riprende la “Cura dei diritti"
Articolo Successivo Contrasto alla povertà: 75mila domande per ReI
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x