rss

 

Stress lavoro correlato
/ Categorie: Home, IncaMondo

Stress lavoro correlato

Convegno a Milano di Cgil, Cisl e Uil Lombardia

“Stress lavoro correlato. Persona, organizzazione del lavoro e valutazione dei rischi" è il titolo del seminario che si terrà lunedì 12 settembre a Milano, presso lo Spazio Mil di Sesto S. Giovanni, alle ore 9.30. Organizzata da Cgil, Cisl e Uil Lombardia, all'iniziativa interverranno Paola Gilardoni, segretario regionale Cisl Lombardia, Stefano Gheno, docente di Psicologia delle risorse umane università Cattolica del Sacro Cuore, Raffaele Latocca, coordinatore del Laboratorio Regionale Stress Lavoro Correlato, Giulio Gallera, assessore al Welfare Regione Lombardia, Maria Rosaria Spagnuolo, responsabile area Salute sicurezza sul lavoro di Assolombarda, Antonio Traficante, direttore Inail Lombardia, Angelo Urso, segretario regionale Uil Lombardia, Massimo Balzarini, segretario regionale Cgil Lombardia.  

"Lo stress lavoro correlato, affermano i sindacati, è un fattore di rischio per la salute e la sicurezza sul lavoro ancora troppo sottovalutato, in primis dalle imprese. Secondo gli ultimi dati Inail, ricordano, nel 2015 a livello nazionale ben il 4% delle malattie professionali è stato causato dallo stress. Un rischio che s'inserisce nella questione più generale del rapporto tra la persona e l'organizzazione del lavoro, nell'ottica di promuovere condizioni di benessere lavorativo, per la cui valutazione è fondamentale il ruolo partecipato degli Rls, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, e il coinvolgimento dei lavoratori. A loro è rivolta la nuova linea di indirizzo approvata il 30 giugno scorso, frutto di un lavoro promosso da Regione Lombardia, con la partecipazione anche delle parti sociali. 

Il convegno ha lo scopo di fare il punto sulle strategie da attuare sul fronte della valutazione dei rischi dello stress lavoro correlato e sulle iniziative di prevenzione da intraprendere.

Articolo Precedente Tassa permessi di soggiorno: Inca, il governo si accanisce ancora contro gli immigrati regolari
Articolo Successivo Ammortizzatori sociali in Campania
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x