rss

 

Infortunio a Mirafiori non è frutto di fatalità

Infortunio a Mirafiori non è frutto di fatalità

Cgil, Fiom e Filt, bisogna appurare le responsabilità

"Soltanto ieri in Italia si sono verificati 4 infortuni mortali. Uno di questi, è avvenuto nell'area Drosso di Mirafiori, dove ha trovato la morte un operaio della Bcube (ex Villanova), ditta appaltatrice della Fca. La ricerca esasperata di maggior produttività, la frammentazione dei cicli produttivi, l' ampio ricorso ad appalti e subappalti, la scarsa attenzione alla formazione ai rischi sono tra le principali cause dell'aumento degli infortuni di cui proprio domenica scorsa si è celebrata la giornata nazionale". Lo sostengono in una nota la Cgil Torino, la Fiom e la Filt.

"Nello scalo ferroviario interno di Fca - spiegano – operano lavoratori dipendenti di aziende e di cooperative che si occupano della logistica integrata, fornendo servizi che vanno dalla gestione informatizzata dello stock, alla movimentazione delle auto, alla manovra delle bisarche, alla preparazione della spedizione. Le cause dell'incidente non sono note, sollecitiamo le autorità preposte affinché facciano luce ed individuino responsabilità su quanto accaduto”.

“Oltre alle responsabilità dell'azienda per cui lavorava l'operaio – precisano i sindacati -, su cui interverremo, è chiaro che quando si parla di appalti, oltre alla necessità di più controlli, bisogna ricondurre al committente, in questo caso Fca, la responsabilità di ciò che avviene nelle ditte appaltatrici: occorre salvaguardare la salute e la sicurezza di tutti i lavoratori presenti nel sito, dai lavoratori dipendenti di Fca ai soci lavoratori della cooperativa in subappalto perché non è scaricando sull'anello più debole della catena e comprimendo i costi sulla sicurezza che le aziende sane competono sul mercato”.

Secondo Cgil, Fiom e Filt, in situazioni come questa sarebbe necessario che i lavoratori possano avere a rifermento i Rappresentanti dei Lavoratori alla Sicurezza di Sito che, su un tema così importante, superino la frammentazione delle attività lavorative. Ci stringiamo intorno alla famiglia del lavoratore per la grave perdita di un uomo che si era semplicemente recato al lavoro". 

Articolo Precedente Infortuni sul lavoro. Inail, dopo le parole di Mattarella
Articolo Successivo Ius soli. Il 13 ottobre “Cittadinanza Day”
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x