rss

   
    

News

  • ''La sentenza con la quale la Corte di giustizia europea sanziona l'Italia, dichiarando la normativa nazionale in violazione della Direttiva europea sul tempo determinato, è importantissima e obbliga il governo ad assumere iniziative coerenti e conseguenti non solo per quanto i precari della scuola ma anche per quelli della Pubblica amministrazione''.

  • " (...) la norma risulta viziata da pesanti limiti di costituzionalità e rischia di portare al licenziamento di un notevole numero di operatori di patronato oltre a precludere ai cittadini la possibilità di ottenere assistenza gratuita per far valere i propri diritti previdenziali e socio assistenziali (..)".

  • Il taglio al fondo dei patronati   avrà un forte impatto sui cittadini in termini di capacità di accesso alle prestazioni, nonché sull'Inps per la diminuita capacità di far fronte alle richieste dei cittadini che inevitabilmente si riverseranno sugli sportelli del medesimo, per l'incidenza sul futuro dei lavoratori, sull'organizzazione del lavoro, sulla qualità e sulla tempistica dei servizi e delle prestazioni agli utenti ....

  • Ai docenti e al personale Ata del comparto scuola che nel corso del 2011 risultavano essere in congedo per assistere parenti disabili in situazione di gravità e avevano fruito dei permessi mensili è consentito di andare in pensione dal 1° settembre 2015 utilizzando i requisiti anagrafici e contributivi previgenti prima dell'entrata in vigore della riforma Fornero.

  • Con un emendamento licenziato dalla Commissione Bilancio della Camera viene ridotto il taglio al Fondo patronati da 150 a 75 milioni  e stabiliti nuovi parametri rispetto alla presenza sul territorio e alla qualità dei servizi offerti.....

  • Si conclude positivamente e in modo definitivo una lunga vertenza; ai circa 700 lavoratori delle fabbriche genovesi (Ilva, Ansaldo, Fincantieri, Stoppani, ex Sanac, ex Italimpianti, ecc.) verranno restituiti i diritti negati per lungo tempo a seguito dell’indagine della Procura di Genova.

  • La Corte di Giustizia Europea ha deciso: i precari della scuola con più di 36 mesi di servizio hanno diritto all’assunzione a tempo indeterminato. Una sentenza destinata a fare da apripista e dare una speranza alle centinaia di migliaia di precari che da anni coprono i posti vacanti ...